Benvenuto!

Mi chiamo Astra e sarò la tua guida. Accedi al tuo profilo personale per sfruttare a pieno tutte le funzionalità del portale.
oppure accedi con email e password

Sei un nuovo utente?
scopri i vantaggi dell'iscrizione, oppure
ma se proprio non puoi aspettare vai alla ricarica veloce

Un attimo di pazienza

Sto trasferendo i tuoi dati al server centrale

Oh No!

Qualcosa è andato storto, siamo mortificati.

Recupera password!

Inserisci nel form in basso la tua email o il tuo nome utente
Ti invieremo un email con le istruzioni per cambiare la tua password.

Ops!


puoi sempre accedere con facebook

Un attimo di pazienza

Sto trasferendo i tuoi dati al server centrale

Oh No!

Qualcosa è andato storto, siamo mortificati.

Registrazione

Compila i campi seguenti

Ops!

Ops!

Ops!

Data e ora di nascita
Ti chiediamo di inserire la tua data di nascita per poter calcolare in modo automatico il tuo segno zodiacale
:

Ops!

Luogo di nascita
Il luogo di nascita ci aiuta, tra le altre cose, a calcolare in manira più precisa il tuo ascendente.

Ops!

Se hai già un account clicca qui oppure accedi con facebook

Caratteristiche principali

  • Segno favorito: Marte
  • Elemento: Terra
  • Pianta: Frassino
  • Polarità: Maschile
  • Colore: Verde

La runa Wunjo

963 visualizzazioni

Dall’unione dei destini, delle vite, delle energie in Gebo, nasce qualcosa di meraviglioso e unico, Wunjo, il bambino interiore, l’innocente, lo spirito, l’essenza, l’amore che prende forma dall’unione del maschile e del femminile. Questa è l’ultima runa dell’aett di Freya, prima vi è stata la nascita, il giardino dell’eden, l’innocenza e l’ingenuità che viene attaccata dalle avversità della stessa natura, e dei nemici. La disillusione si fa strada, la speranza viene persa, c’è dolore e tristezza. Ma Ansuz ci porta un messaggio importante, la chiamata, l’invito a compiere un viaggio che porta alla trasformazione e alla metamorfosi, in cui tutto ciò che è separato viene riunito. Da questo nasce il bambino divino, l’archetipo innocente, la vittima sacrificale, il redentore che porta sulle spalle tutto il peso di un passato che non gli appartiene, quello dei genitori, della popolazione, della cultura e della civiltà. L’innocenza non è assenza di dolore, piuttosto inconsapevolezza che verrà poi ritrovata più avanti diventando più consapevoli del dolore originario e purificandolo. Wunjo è una parte di noi in cui la vita cresce e fluisce spontanea, in un gioco di trasformazione e rinnovamento, limpida, senza artifici, in modo naturale e spontaneo come una sorgente d’acqua pura, viva e vitale. Questo concetto è ben espresso nel mito della morte del dio Baldr, essere spendente, bellissimo, dall’animo incorruttibile, buono e gentile. La vicenda comincia coi sogni angoscianti in cui il dio vede preannunciata la propria morte, sogni che confida ai suoi saggi genitori. Suo padre Odino si reca quindi nel regno di Hel, il mondo dei morti, dove ne trova conferma: negli inferi già tutto è pronto per accogliere Baldr, prossimo alla fine. Nel tentativo di scongiurare il destino incombente la madre Frigg raduna a sé tutto quel che esiste al mondo, piante, animali, pietre, elementi, imponendo un giuramento universale: mai nulla dovrà recare del male a Baldr. Da allora gli dei cominciano un gioco, che ripetono ogni giorno al loro consesso. Formano un cerchio intorno a Baldr, lanciandogli qualunque oggetto, armi, pietre, veleni, perché nulla poteva più nuocergli. Loki non gradiva la scena. Tramutatosi in donna mortale, chiamò a sé Frigg, riuscendo, con l'inganno, a carpirle il punto debole del figlio: il vischio che era apparso troppo innoquo alla dea, non aveva giurato. Loki quindi raccoglie una piantina di vischio, torna al consesso degli dei, e si avvicina a Höðr, il fratello di Baldr: Höðr è cieco, non può partecipare al gioco degli dei; Loki quindi afferma di volerlo aiutare, perché possa anch'egli divertirsi come tutti, e far così piacere a suo fratello. Gli mette quindi in mano il vischio e lo guida nel lancio. Il vischio vola verso Baldr come una freccia, trapassandolo e uccidendolo. Gli dei, attoniti, non sanno che dire né che fare. Vi è quindi il funerale di Baldr, cui partecipano creature di ogni tipo, non solo gli dei, ma anche i giganti malvagi, a testimonianza di quanto il dio fosse amato. Odino depose sulla pira funebre Draupnir, mistico anello in grado di generare otto sue copie ogni nove notti. Nel frattempo Hermodr, figlio di Odino, cavalca verso Hel, nella speranza di far rendere al mondo Baldr. Ma la regina degli inferi pose una condizione: tutti gli esseri della terra, vivi o morti, avrebbero dovuto piangere, dimostrando così il dolore universale per la morte di Baldr. Solo così gli sarebbe stato permesso il ritorno tra i vivi. Gli Asi inviano dunque messaggeri in ogni dove, ottenendo che tutto, uomini, creature fatate e animali, pietre e alberi, piangano per Baldr. Questo finché in una caverna trovano la gigantessa Þökk, che si rifiuta di prendere parte al cordoglio cosmico, condannando per sempre il dio alla morte. Secondo alcuni, in realtà, Þökk era Loki sotto mentite spoglie. Uno dei compiti più importanti della vita è riscoprire dentro di noi il Bambino Divino, capire di cosa ha bisogno, cosa desidera, a cosa ha dovuto rinunciare, quali sono le sue paure, le sue ferite, prenderlo per mano, guidarlo e lasciarci guidare a nostra volta da lui. Il mito di Baldr rappresenta l’amore universale che hanno i genitori verso i figli e dell’impossibilità di difenderli dalla crudeltà del mondo. Baldr è la ferita che viene inferta dal mondo degli adulti nell’animo del bambino, ferita che uccide al gioia, la vitalità e la spontaneità. Ma è nostro compito difendere per quanto possibile il nostro bambino interiore che è l’unico capace di costruire e vedere sempre nuove possibilità, di credere nell’incredibile, nella magia, nei miracoli.

Runa dritta

Realizzazione, appagamento, completamento, successo, gloria, rispetto, solidarietà, speranza.

Quando Wunjo viene estratta dritta rappresenta i desideri realizzati, l completamento di un progetto, la soddisfazione, l’innocenza e l’entusiasmo. Il Bambino Divino si è risvegliato dalla coscienza e riusciamo a vivere la vita con gioia, soddisfazione e spensieratezza, è la vittoria su di noi e sul destino, una vittoria che consiste anche nel perdono. La guarigione consiste nel lasciare che il bambino ferito dentro di noi, l’ego, muoia in pace per rinascere dalle sue ceneri rinnovato e guarito. Potremmo quindi imparare a guarire le nostre ferite, a nutrire l’anima con ciò di cui ha bisogno, connetterci alla nostra sensibilità, sperimentare la comprensione e l’amore verso noi stessi.

Oracolo della runa dritta

Il nemico è in fuga, è sconfitto! Gioisci, canta al tepore del fuoco, godi il premio dell’audacia. A lungo il vino ha riposato nella botte. E’ tempo di riempire la coppa e vuotarla d’un fiato.

Runa rovesciata

Fallimento, miseria, esilio, solitudine, ebbrezza, zelo eccessivo.

Roveschiata Wunjo indica un fallimento, un esito negativo, solitudine, miseria, tristezza. Stiamo evitando di affrontare le nostre paure e la sofferenza, la realtà è dura da affrontare e lo è ancora di più per chi non vuole crescere, vedere le cose come stanno, prendersi delle responsabilità e affrontare le situazioni difficili. C’è amarezza, cinismo, verso il mondo che ci circonda e la tendenza di punire gli altri o se stessi come valvola di sfogo. Si hanno difficoltà nel godere i piaceri della vita, si hanno sensi di colpa, autocompiacimento nella sofferenza o nella malattia, nell’attaccamento del dolore altrui. Bisogna chiedersi cosa ci ha ferito tanto profondamente, se riusciamo ad analizzare in modo oggettivo gli eventi, se riusciamo a perdonare, a provare compassione e amore.

Oracolo runa rovesciata

Dalle densi nubi d’autunno, la pioggia fitta riempie i torrenti. Tracimano i canali di nero fango, i campi sono paludi, le strade sepolte, scivolano lenti uomini, carri e cavalli. Ogni sforzo p vano, unica via la rinuncia.

Funzione magica

Dona energia vitale, gioia di vivere, ottimismo ed entusiasmo. Insegna a godere maggiormente delle gioie della vita. Aiuta ad amare se stessi, a prendersi cura del proprio corpo.

Posizione delle mani

La mano sinistra viene posta all’altezza del cuore in posizione verticale, il pollice che sfiora lo sterno. Le dita della mano destra si piegano verso il palmo formando con il pollice un angolo di quarantacinque gradi. Le punta delle dita della mano destra vanno a toccare il palmo della mano sinistra.

Posizione yoga

In piedi, con la schiena dritta, il braccio destro ricade lungo il fianco mentre quello sinistro viene sollevato. Il gomito si piega a quarantacinque gradi e le punte delle dita della mano poggiano appena sulla fronte. Questa posizione allontana la depressione e la tristezza, favorisce la gioia e il benessere.

Canto della runa

Wunjo wunjo wunjo Wu wa wi wo we Wun wan wen win won We wi wo wa wu Wwwuuunnn Wwwwwwwwwwwww Wwwuuunnnjjjooo Wwwaaa wwweee wwwuuu wwwooo Wwwuuunnn wwwuuunnnaaa Pubblicato da Helyanwes a 13:05 Nessun commento: Invia tramite email Postalo sul blog

Altre caratteristiche della runa Wunjo
Nome antico Wynn, wyn, winja
Elemento Terra come fiori
Animale Pulcino
Significato simbolico Il bambino interiore, l’innocente, lo spirito, l’essenza, l’amore che prende forma dall’unione del maschile e del femminile.
Dei collegati Vjofn, il dio Baldur, Odino, Frigg
Miti collegati Asgard
Poema anglosassone Wunjo è gioia per chi non conosce lutti non ci sono ansie né dispiaceri nella sua casa ma ottima frutta e allegria di messi
Poema islandese Acqua = gorghi e corrente

Condividi questo articolo:

Facebook Twitter Email