Benvenuto!

Mi chiamo Astra e sarò la tua guida. Accedi al tuo profilo personale per sfruttare a pieno tutte le funzionalità del portale.
oppure accedi con email e password

Sei un nuovo utente?
scopri i vantaggi dell'iscrizione, oppure
ma se proprio non puoi aspettare vai alla ricarica veloce

Un attimo di pazienza

Sto trasferendo i tuoi dati al server centrale

Oh No!

Qualcosa è andato storto, siamo mortificati.

Recupera password!

Inserisci nel form in basso la tua email o il tuo nome utente
Ti invieremo un email con le istruzioni per cambiare la tua password.

Ops!


puoi sempre accedere con facebook

Un attimo di pazienza

Sto trasferendo i tuoi dati al server centrale

Oh No!

Qualcosa è andato storto, siamo mortificati.

Registrazione

Compila i campi seguenti

Ops!

Ops!

Ops!

Data e ora di nascita
Ti chiediamo di inserire la tua data di nascita per poter calcolare in modo automatico il tuo segno zodiacale
:

Ops!

Luogo di nascita
Il luogo di nascita ci aiuta, tra le altre cose, a calcolare in manira più precisa il tuo ascendente.

Ops!

Se hai già un account clicca qui oppure accedi con facebook

Caratteristiche principali

  • Segno favorito: La luna
  • Elemento: Acqua
  • Pianta: Ontano
  • Polarità: Femminile
  • Colore: Blue

La runa Isa

783 visualizzazioni

Come le rune precedenti legate alla morte e al dolore, Isa è associata al vuoto, al silenzio, al lutto, a quello stato di coscienza che accompagna e circonda la morte il cui dolore dello strappo non è lancinante ma diventa tristezza, malinconia, perdita di senso. Il pensiero della morte può evocare paura, smarrimento e impotenza, Isa ci aiuta a cogliere l’importanza del momento presente, di ciò che è qui ed ora, ci invita a distogliere l’attenzione da ciò che non c’è più. Se si rimane legati al passato qualcosa muore insieme a ciò che è morto, non si può vivere nel lutto per tutta la vita, questo serve per piangere tutte le lacrime che si anno, superare il dolore e tornare nuovamente alla vita. Isa ci aiuta ad accettare l’inevitabile separazione, a sciogliere i vincoli della nostra anima dall’illusione che chi non c’è più ci sia ancora, ad abituarsi al vuoto, al silenzio e alla solitudine. Alcuni non si rassegnano alla perdita e continuano a vivere come se fossero morti, sono spenti, hanno rinunciato alla rinascita e vivono una lenta agonia, fatta di rimpianti, lamenti e sensi di colpa. Isa è il ghiaccio, l’inverno, l’apparente fine di tutto, il blocco, ma sotto il ghiaccio dell’inverno la vita pulsa, i semi germogliano, la primavera si prepara, pronta a coprire la terra di verde iniziando un nuovo ciclo. Isa ci insegna che la morte in fondo non esiste, fa parte della vita, è un aspetto fondamentale, imprescindibile, uno stato transitorio che caratterizza l’essere. Tutto ciò che esiste in natura ha un inizio e una fine, ma anche una nuova rinascita, spesso in altra forma. Il ghiaccio è come un velo che copre la terra, è molto luminoso, abbagliante, ma anche ingannevole, è il velo di Maya, il velo dell’illusione che non lascia vedere ciò che veramente è. Isa ci aiuta a riconoscere l’illusione, ciò che fa apparire le cose diverse da come sono. Ma Isa stessa è a volte un’illusione, come il ghiaccio che è destinato a sciogliersi sotto i raggi del sole, così la nostra coscienza attraverso l’illuminazione può rivelare la realtà nascosta. Isa è associata alla dea nordica Hel, signora del regno di Heleim che ha sede nel primo mondo, il Niflheim, la terra di nebbia e di brina, ghiaccio e oscurità. E’ collegata anche alla norna Verdandi che regge il presente, mentre il glifo che la rappresenta è una linea che collega il cielo e la terra, gli strati più elevati della coscienza con quelli più bassi.

Runa dritta

 

L’estrazione di questa runa indica la presenza di un blocco momentaneo di una situazione e c’è necessità di fare una profonda riflessione, un periodo di transizione prima della rinascita in cui occorre avere pazienza e perseveranza. Isa è un collegamento tra spirito e materia, è la capacità di controllare la passione e gli impulsi, di essere connessi e collegati con il cosmo. E’ la runa della meditazione associata alla posizione dell’albero, fermezza e stabilità, ogni passione è spenta e si è centrati su se stessi e sul respiro, quando si riesce a vedere oltre. L’estrazione di Isa rivela una momentanea chiusura e allontanamento, una stasi forzata dalle situazioni. E’ un raffreddamento degli entusiasmi, delle passioni, degli innamoramenti, è una fase di esplorazione profonda del senso di ciò che si sta facendo. Ma qualcosa si sta muovendo dentro di noi, un’idea creativa, un sentimento profondo, un progetto, la possibilità di un nuovo lavoro, per questo motivo, nonostante non ci si senta pronti, è consigliato iniziare a far piccole esperienze, per aprirsi e scongelarsi, ma nulla di eccessivo. Bisogna avere pazienza. Accettate una cena con amici intimi, cercate di rispondere cordialmente a chi si interessa a voi, sono previste novità positive sia in campo affettivo che in quello lavorativo ma bisogna dar tempo al tempo. Per quanto riguarda la salute il consiglio è prevenire invece che curare.

Oracolo della runa dritta

La montagna di ghiaccio è crollata sulla via per il mare occorre aggirare l’ostacolo con nuovi e diversi cammini o perire nella rigida ostinazione di una via che non c’è più. Chissà che un’altra direzione, seppur più lunga e faticosa, non sia foriera di vantaggi sconosciuti.

Funzione magica

Allontana le preoccupazioni per il futuro e i rimpianti del passato. Favorisce la riflessione e la concentrazione sul presente. Struttura e solidifica le energie che rischiano di disperdersi. Tiene a bada emozioni e reazioni impulsive. Dona fermezza, forza interiore, calma, centratura e vuoto della mente.

Posizione delle mani

La posizione mudra della runa Isa è molto semplice, il dito indice è disteso e rivolto verso l’alto mentre le altre dita son ripiegate sul palmo, su quest’ultime è ripiegato il pollice.

Posizione yoga

Si possono assumere diverse posizioni Yoga che rappresentano la runa Isa, nelle tre presentate è necessario stare con la schiena ben dritta, i piedi uniti. Le braccia ricadono lungo i fianchi nella prima posizione, nella seconda il braccio destro è alzato e la mano assume la posizione mudra precedentemente descritta. Nell’ultima posizione entrambe le braccia sono sollevate verso l’alto, i palmi sono messi paralleli tra loro ma senza toccarsi.

Canto della runa

Isa Isa Isa Iiiiiiiiiii Iiiiisssss Sssss iiiii iiiiiiiiii Iiiiiiiiiiiiiiiiii Iiiiisssssaaaa Iiiiiiiiiissaaaaaaaaa Iiiiiiissssssssaaaaaaaarrrrrrrr

Altre caratteristiche della runa Isa
Nome antico Iss, Eis, Is
Elemento Acqua/terra come ghiaccio
Animale Ghiro
Significato simbolico Isa è associata al vuoto, al silenzio, al lutto, a quello stato di coscienza che accompagna e circonda la morte il cui dolore dello strappo non è lancinante ma diventa tristezza, malinconia, perdita di senso.
Dei collegati La dea Rinda, la dea Hel, la Norna Verdandi
Miti collegati Auðumla, Nifelheim.
Poema anglosassone Isa, glaciale e scivolosa, come cristallo risplende, simile alle gemme un campo ricoperto dal gelo è visione molto luminosa
Poema norvegese Ghiaccio noi chiamiamo il largo ponte Il cieco deve essere guidato
Poema islandese e grandi geyser

Condividi questo articolo:

Facebook Twitter Email